Dott.ssa Abbate Psicoterapeuta

Centro di Psicoterapia e Training Autogeno - Pisa città

 

Benvenut* nella pagina sulle basi teoriche.

Benvenut* nella pagina sulle basi teoriche.

Dott.ssa Abbate, mi occupo di:

Analisi Transazionale - studenti universitari - identità di genere - training autogeno - terapia di gruppo.

Perchè Psicoterapia di Gruppo?

Gruppo psicoterapia Pisa

L’anima della Psicoterapia di Gruppo è probabilmente composta da due parti, che sono le basi dell’efficacia del metodo.

La prima è la funzione ambiente-stimolo relazionale, ovvero è un ambiente protetto all'interno del quale è possibile entrare in relazione con le varie tipologie personologiche, alcune che possono richiamare vissuti passati, altre meno, ma in ogni maniere un ambiente ad alto fattore esperenziale.

La seconda base è la funzione di cassa di risonanza dei vissuti e dei sentimenti che, portati nel gruppo tramite messaggi verbali e non verbali (quali silenzi o posture), scaturiscono reazioni da parte degli altri menbri, che tramite il loro rimando vanno ad attivare comprensione, rielaborazione e quindi mentalizzazione nell'individuo.

L'indivio in pratica comincia a riflettere sul proprio modo di entrare in relazione con gli altri, e sul proprio modo di sentire, pensare e agire nel mondo fuori dal gruppo.

Queste due caratteristiche lo rendono uno strumento che si prospetta come un’evoluzione del setting duale, nel senso che consente al paziente di uscire dalla primordiale relazione diadica per entrare in nuove relazioni sociali.

Utile strumento anche per il terapeuta, consente infatti di osservare dal “vivo” la modalità di entrare in relazione con gli altri (osservare quindi le “Transazioni” cosi chiamate in Analisi Transazionale), del paziente.

Considerando che, come sappiamo, le difficoltà relazionali è una della causa principale, che spinge le persone a rivolgersi ad uno psicoterapeuta, la Psicoterapia di Gruppo si configura come un piccolo “training alla vita” o in altri termini , come una riabilitazione alle relazioni interpersonali.

Scritto da Sivia Abbate

Cos'e' la Psicoterapia con Analisi Transazionale? Scritto da Silvia Abbate Psicologa psicoterapeuta a Pisa

Eric Berne - Analisi Transazionale

Nella pianificazione dei percorsi di psicoterapia per curare Ansia e Stress utilizzo le basi teoriche dell'Analisi Transazionale.

L'Analisi Transazionale è stata ideata da Eric Berne. La semplicità dei termini utilizzati facilita la comprensione dei concetti basilari, la loro praticità consente al cliente di avere a disposizione degli strumenti da sfruttare nella vita di tutti i giorni, in particolare nell'abito delle relazioni.

La base teorica utilizza i termini di Genitore Adulto e Bambino, scritti volutamente con l'iniziale in maiuscolo per distinguerli dal genitore reale e dall'adulto e dal bambino intesi come fasi del ciclo di vita. In questo caso infatti parliamo di tre stati dell'Io. Dove per Io si intende l'identità intrapsichica che ogni individuo possiede. Vediamo da vicino la funzione dei tre stati dell'Io Genitore: Eric Berne scrive: "è un insieme di sentimenti, atteggiamenti e modelli di comportamento simili a quelli della figura genitoriale"(Berne, E. 1961). Lo stato del Genitore essenzialmente fa riferimento alle norme. Se queste norme sono molto rigide e se questo Genitore diventa troppo autoritario le conseguenze si ripercuotono sul benessere personale e sulla qualità di vita. Il Genitore è in funzione sia quando i comportamenti sono orientati rigidamente dalle norme, sia quando avviene un dialogo interno tra lo stato dell'Io Genitore e lo stato dell'Io Bambino. Esiste anche una funzione sana del Genitore, che si manifesta quando facciamo ricorso alle norme etiche e nel momento in cui ci prendiamo cura di noi stessi.

Adulto: Berne scrive: "è caratterizzato da un insieme autonomo di sentimenti, atteggiamenti e modelli di comportamento che risultano adatti alla realtà presente". Quando l'Adulto è attivo, ovvero energizzato, in termini Analitico Transazionali, i comportamenti e sentimenti sono in linea con la realtà circostante e di conseguenza l'individuo riesce ad essere costruttivo e creativo.

Bambino: ancora Berne "Lo stato dell'Io Bambino è un insieme di sentimenti, atteggiamenti e modelli di comportamento che risalgono alla nostra infanzia individuale". Lo stato del Bambino è la sede delle emozioni. Rabbia, paura, tristezza, ansia e gioia sono espresse quando l'energia attiva questo stato. Un buon funzionamento, in generale, prevede che i tre Stati e i relativi confini abbiamo a disposizione un'adeguata quantità di energia. Una problematica psicologica ha spesso alla base una situazione diversa. Come ad esempio: uno stato che prevale sugli altri, oppure uno stato escluso ecc...

Durante una psicoterapia ad indirizzo l'analitico transazionale è possibile imparare a riconoscere gli stati dell'Io tramite l'auto-osservazione, sulla base di questo è possibile costruire una diagnosi degli stati dell'Io e contrattualizzare insieme al terapeuta un percorso ottimale per la cura della problematica psicologica o per aumentare il benessere della persona.

Per l'Analisi Transazionale il cliente possiede le risorse per superare le problematiche che sta vivendo, il percorso di psicoterapia serve a riattivarle.

Informazioni utili prima di intraprendere un percorso di psicoterapia analitico transazionale.

Scritto da: Silvia Abbate

Per contattare la dott.ssa Abbate:

L'interessato letta l'informativa sotto riportata accetta espressamente la registrazione ed il trattamento dei propri dati che avverrà premendo il tasto 'Invia'.
Leggi l'informativa ai sensi dell'art. 13 del Regolamento (Ue) 2016/679

Analisi Transazionale - Cos'e' il Copione?

Psicoterapeuta Pisa - Analisi Transazionale

Una delle basi teoriche che utilizzo molto nella mia attività di psicologa e psicoterapeuta è quella del copione dell'analisi transazionale.

Analizzare il copione aiuta l'individuo a prendere consepevolezza rispotto ad alcuni comportamenti disfunzionali che mette in atto e che spesso diventano controproducenti.

Il copione di vita è un insieme di messaggi interni, e condiziona altrettanti comportamenti esterni, potremmo dire, che è già scritto, per richiamare la metafora del teatro, in altre parole il copione è un insieme di strategie di pensiero, in passato acquisite e utilizzate dall'individuo, che un tempo sono state efficaci e che continuano a ripetersi quando efficaci non sono più.

Scrive Carlo Moiso (1982): "Spesso gli individui provano la spiacevole sensazione che alcuni eventi negativi della loro vita si ripetano con una certa costanza, tanto da apparire ineluttabili". Il copione a volte condiziona l'individuo, lo rende automaticamente predisposto a determinati comportamenti che talvolta sono spiacevoli. Grazie all'Analisi Transazionale è possibile risalire al tipo di copione di un determinato individuo e accompagnare quest'ultimo durante il percorso verso l'autonomia, all'interno del quale il potere esecutivo è riaffidato allo stato dell'Io Adulto, dopodiché l'individuo sente sollievo rispetto a ciò che gli fa sperimentare lo stato di malessere. Esistono diversi tipi di copione. Alcuni esempi sono: il copione "mai" lo possiedono gli individui con non riescono mai a realizzare ciò che desiderano perché sentono che qualcosa glielo impedisce, il copione "prima" è degli individui che per arrivare ad una meta devono prima fare qualcosa o comunque aspettare un periodo di tempo, il copione "quasi" lo posseggono le persone che mollano poco prima del raggiungimento dell'obiettivo finale, i cosiddetti "quasi laureato, quasi realizzato, quasi completo". I copioni possono anche essere distinti in base al destino dell'individuo. Parliamo di individuo vincente se il copione è costruttivo, individuo perdente se il copione è distruttivo, oppure individuo non vincente se il copione è banale.

Silvia Abbate